Fondazione di Vignola

Una statua per ricostruire

Il progetto
Lo scultore Nicola Zamboni, sensibile alle sofferenze delle popolazioni colpite dai recenti eventi sismici che hanno interessato l'Italia centrale, ha proposto di realizzare una statua raffigurante il grande architetto vignolese Giacomo Barozzi (detto il Vignola), offrendo il suo compenso per le aree terremotate.
La sua statua ornerà temporaneamente Piazza dei Contrari ed in seguito avrà una collocazione definitiva, una volta completata la ristrutturazione dell'edificio da parte della Fondazione di Vignola, nel cortile interno di Palazzo Barozzi. La Fondazione ha colto quindi tale generosa disponibilità ritenendola un'occasione importante per coniugare l'omaggio ad una delle più prestigiose personalità vignolesi e dell'architettura del Rinascimento, con un gesto solidale nei confronti delle terre colpite dal sistema. Terre in cui Barozzi realizzò alcune opere che ancora oggi testimoniano la grandezza della sua arte. La Fondazione di Vignola sostiene questa iniziativa rimborsando all'artista tutte le spese necessarie per la realizzazione dell'opera. Vista la gravità della situazione in cui versano le popolazioni terremotate, l'Ente promuove anche una "raccolta pubblica di fondi" per dare occasione a tutti di poter esprimere la loro vicinanza e solidarietà alle aree e comunità colpite.
Nel frattempo, la Fondazione ha già contribuito con 12.000 euro al progetto promosso dall'Acri (Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa) per un intervento nelle zone dell'Italia centrale danneggiate dal sisma, intervento che si svilupperà nel 2017 con il coordinamento delle fondazioni delle provincie colpite.
La Fondazione si rivolge quindi al mondo dell'associazionismo e alla comunità tutta affinché partecipi alla sottoscrizione pubblica che avrà termine ultimo il 24 agosto 2017, primo anniversario dell'inizio del periodo sismico. Si è impegnata, a tale scopo, ad aprire un conto corrente dedicato, presso BPER Banca. L'entità e la destinazione delle somme raccolte saranno rese pubbliche con precisione e trasparenza su questo sito.
Chi contribuirà in maniera particolarmente significativa, potrà veder attestata la sua partecipazione all'iniziativa con modalità che verranno comunicate.

Come donare
Versamento sul conto corrente intestato a:
Fondazione di Vignola - #unastatuaperricostruire
IBAN IT67L0538767075000002526852

Lo scultore
Nicola Zamboni è nato a Bologna il 10 maggio 1943. Dopo aver frequentato l'atelier di Henry Moore, nel 1975 inizia ad insegnare all'Accademia di Belle Arti di Bologna come assistente allo scultore Quinto Ghermanti; ha poi  ricoperto dal 1997 al 2004 la cattedra di scultura all'Accademia di Belle Arti di Brera a Milano.
Ha prodotto molte opere che si trovano in musei e case private di tutta Italia e in numerosi parchi, giardini e luoghi pubblici in Italia, Creta, America Latina e Australia.

Giacomo Barozzi
(Vignola, 1 ottobre 1507 - Roma, 7 luglio 1573)
É stato uno degli architetti e dei teorici dell'architettura e della prospettiva più importanti della seconda metà del XVI secolo. Egli fu protagonista di un'epoca di profonde trasformazioni nell'arte del costruire, realizzando centinaia di edifici di grande importanza ed eleganza in tutta Italia e pubblicando due trattati, il primo dedicato ai Cinque Ordini dell'architettura, che ben presto divenne uno dei testi più influenti e diffusi in tutto il mondo, il secondo in cui trattò in modo originale ed esaustivo la teoria della prospettiva. I suoi edifici, progettati ed edificati per incarico di importanti committenti, tra cui diversi pontefici, rappresentano un punto di riferimento nell'evoluzione dell'architettura occidentale.

A distanza di 500 anni il grande architetto vignolese è ancora in grado di costruire e ri-costruire.
Ispirandosi all'arte raffinata, efficace e classicamente elegante delle opere di Barozzi, lo scultore Nicola Zamboni ha realizzato questa statua che non nutre alcuna intenzione monumentale, avendo come scopo la trasmissione di un'eredità di straordinario valore artistico e culturale e di testimonianza per il futuro. Lo scultore dona l'opera alla città e propone questa iniziativa benefica per le comunità del centro Italia che tentano faticosamente di ritornare alla normalità.

Disegna con un compasso il "ricciolo del Vignola"!
Stampa le istruzioni.

E con una piccola donazione, tutti insieme, creiamo una spirale positiva di cultura, umanità e solidarietà.
#unastatuaperricostruire

L'iniziativa è stata realizzata con la partecipazione di


Per informazioni:
info@fondazionedivignola.it
tel.: 059/76.59.79